S
600x300

“Tra i camminamenti – Passo Rolle, 2013” | ©AlbertoBregani, SoloIlVento

Sei metri per tre.

Tanto sono grandi le due gigantografie di altrettante mie fotografie, tratte dal progetto SoloIlVento, che il prestigioso MART, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, ha chiesto di poter ospitare nell’ambito de “La Guerra che Verrà non è la Prima“, l’importante mostra sulla Grande Guerra che aprirà sabato 4 ottobre prossimo per terminare il 20 settembre 2015. E’ veramente un onore per me poter essere annoverato tra i tanti artisti di fama internazionale, rappresentanti tutte le Arti, che saranno presenti in questa vastissima esposizione (circa 3.000mq). La mostra offrirà innanzitutto capolavori storici provenienti dalle collezioni del MART stesso fra i quali opere di Balla, Bucci, Depero e Severini. Ma moltissime saranno le opere di artisti che hanno vissuto il dramma della Grande Guerra come, per citarne alcuni, Marc Chagall, Adolf Helmberger, Arturo Martini, Pietro Morando, Mario Sironi. Inoltre, parlando di fotografia, un approfondimento sarà dedicato al grande fotografo cecoslovacco Josef Sudek, austroungarico di nascita, arruolato e combattente proprio in questi luoghi, dove perse un braccio per una ferita da uno scoppio di uno shrapnel da fuoco amico. E poi ancora la rappresentazione della Guerra “non solo come esperienza vissuta in prima persona, ma anche come pensiero ricorrente nella ricerca di molti artisti” ( cit. Mart)  tra cui ricordo, Enrico Baj, Alfredo Jaar, Alberto Burri, Fabio Mauri, Alighiero Boetti,  Paola De Pietri (splendido il suo lavoro sul fronte riportato nel suo libro “To Face”); e poi ancora  Harun Farocki, Berlinde De Bruyeckere, Sophie Ristelhueber, Paolo Ventura. Ed è proprio in questo filone tematico che verranno esposte queste due mie fotografie.

Grande soddisfazione per me, devo confessare, per questa chiamata. Soddisfazione perché questa presenza è un nuovo e autorevole endorsement sulla qualità del lavoro svolto in questi due anni in giro per trincee e camminamenti in alta montagna (e ancora deve finire..) insieme al mio ormai inseparabile compagno e amico di passo e fotografia, oltre che Guida Alpina, Sandro Vidi. Qualità che è stata possibile ottenere innanzitutto grazie all’accettazione da parte del committente ovvero la Provincia Autonoma di Trento (Ufficio Servizio Emigrazione e Solidarietà Internazionale, nello specifico, che ringrazio una volta di piùdi alcune mie richieste strettamente legate alle modalità operative, prima tra tutte la possibilità di lavorare nel “mio” modo ovvero con il giusto tempo. Quel tempo, lo sapete, lo ripeto da sempre e all’infinito, che ritengo essere, insieme allo spazio, elemento fondamentale, imprescindibile, essenziale per poter fotografare, raccontare, esprimere al meglio un proprio pensiero, una propria visione su un argomento, un tema. Quel giusto tempo che ti permetta di conoscere perfettamente la natura di ciò che deve essere fotografato, la storia, l’ambiente; quel giusto tempo che ti dia la possibilità e la tranquillità artistica di poter rinunciare allo scatto, ove questo non ci sia, e di poterlo realizzare successivamente, quando veramente arrivano le condizioni. Soddisfazione, anche, per aver potuto raggiungere il risultato con i “miei” strumenti, il mio linguaggio, quasi controcorrente di questi tempi: macchina medio formato e pellicola bianco e nero, per poter scrivere le mie visioni e interpretazioni dei luoghi esattamente come volevo e sentivo, avvicinandomi il più possibile alle aspettative e desiderata del committente: una serie di fotografie che raccontassero con “sguardo contemporaneo ed evocativo, intimista e personale, le vestigia della Grande Guerra”. Condizioni certo non facili da trovare tutte insieme in un solo progetto. Ma forse, talvolta, la magia accade – Ci vediamo al MART? Spero di si. CIAO!  😉

_________
Nella foto: “Tra i camminamenti – Passo Rolle, 2013” – Stampa 600x300cm diretta su pvc light 15mm. Stampa moduli espositivi a cura MacroCoop, Parma; scansione HR da negativo a cura di CastorScan Hi-End Drum Scans, supervisione tecnica qualità a cura di Fotofabbrica, Piacenza

Mart 

Non sono presenti commenti