S
“Straordinaria, imponente e di portata europea“.
Così il Ministro della Cultura Dario Franceschini, ospite d’onore della conferenza stampa di apertura, ha definito “La Guerra che verrà non è la prima“, la mostra del MART, Museo di Arte Contemporanea di Trento e Rovereto, che ha aperto i battenti venerdi 3 ottobre alle ore 18.00 per le  centinaia di persone presenti e per le centinaia di migliaia che la visiteranno da qui al settembre 2015. Sono quasi tremila i metri quadri sui quali si sviluppano e si intrecciano i molti temi che trattano un evento cosi drammatico e, per certi versi, molto spinoso, ma che lascio a voi e alla vostra prossima visita, giudicare, valutare, analizzare, apprezzare. Ora voglio solo riportarvi la mia soddisfazione nel vedere due delle mie fotografie recenti esposte in maxi formato proprio all’inizio del percorso espositivo che introduce a grandissimi artisti degli ultimi cent’anni e ad altri contemporanei, nomi che mi precedono e mi seguono nel catalogo ufficiale. Un onore che mi è stato concesso dalla instancabile curatrice della mostra Nicoletta Boschiero e dalla Direttrice del Museo Cristiana Collu come apprezzamento e riconoscimento per il lavoro svolto con il progetto fotografico sulla Grande Guerra, tuttora in corso, SoloilVento. Ogni altra informazione riguardo progetto, sviluppo concettuale, artisti, opere presenti la potrete  leggere alla pagina dedicata all’esposizione al sito del Museo.

Ci sono 0 commenti

  1. marcosalaris

    Spero di riuscire a passare al più presto per vedere la mostra. Un lavoro importante, intenso, prezioso.
    Felice per la montagna, per la fotografia e per il ricordo.
    Soprattutto felice per te.
    Excelsior !!


Invia un nuovo commento