U

Schermata 2016-02-11 alle 21.45.33Una tra le più apprezzate riviste italiane di fotografia mi ha chiesto di scrivere un articolo di una certa “consistenza” entro qualche settimana, per raccontare cosa c’è dietro la preparazione di un progetto fotografico complesso come quelli che solitamente realizzo. In questo caso stiamo parlando di “SoloIlVento“, il mio lavoro in pellicola B/N di oltre due anni (2013-2014) realizzato lungo il fronte austroungarico della Grande Guerra, tra i 1000 e gli oltre 3000mt di altitudine. Committente: la Provincia Autonoma di Trento. Avendolo realizzato diciamo che saprei cosa scrivere, riuscendo anche ad inserire qualche elemento nuovo rispetto a quanto detto finora, tra articoli, interviste e conferenze.

Però, visto il tempo che ho a disposizione prima della consegna ( due settimane circa da oggi) , colgo l’occasione per chiedere a voi che mi seguite, se avete qualche curiosità in merito al tema ovvero riguardo alla realizzazione delle fotografie, preparazione del progetto, logistica, complessità, ispirazione, luoghi, visione, racconto, strumenti etc etc.. affinché io le possa prendere in considerazione e provare a scriverne, rispondendovi. In buona sintesi, questa è l’occasione per approfondire aspetti che per voi possono essere importanti più di quanto io pensi e ai quali posso provare a dare più risalto.

Per chi non conoscesse il progetto:
– qui un buon riassunto testo e foto : bit.ly/SoloIlVento_Slideshare;
– qui un suggestivo video di presentazione (3’42” – HD)
https://youtu.be/QbGJj9Sw7EQ

Ok, sperando di avervi fatto cosa gradita, queste le istruzioni per l’uso:
1- prendetevi il tempo necessario per guardarvi i link segnalati se non conoscete il progetto o se volete dare una rispolveratina alla memoria se avete assistito a una mia conferenza etc..
2 – riflettete/pensate cosa potrebbe essere interessante per voi chiedermi;
3 – Scrivete le vostre domande nei commenti a questo post  possibilmente non oltre sabato 1° ottobre che poi devo iniziare a scrivere l’articolo. Vi chiedo la cortesia di darvi almeno un nome, ove abbiate invece un nickname… Rispondere seriamente a a “Eagle Of Blue Sky” oppure a “Thunder Revolution” mi riesce un po’ difficile…

Ad alcune delle domande più interessanti ai fini del pezzo cercherò di dare risposta nel corso della stesura. Darò comunque risposta a tutte quelle che mi porrete in un articolo che scriverò appositamente qui nel mio blog, dopo l’uscita del numero che dovrebbe essere dicembre e che comunicherò con largo anticipo. Vi raccomando: non abbiate timore a postare quelle che vi sembrano domande banali. Non esistono domande banali in un percorso di conoscenza.  Intanto grazie, aspetto vostre. Ciao 😉

NOTA: FACEBOOK
Questo testo è più o memo lo stesso del post (stesso titolo) pubblicato nella mia pagina FB dove sono già arrivate molte domande. Se volete la vostra potete lasciarle in quel post sotto forma di commento.

Ci sono 2 commenti

  1. Elena Cini

    Ciao Alberto, cosa ti ha sostenuto di più nel tuo progetto: la passione per la montagna, i suoi paesaggi, la sua storia oppure per la fotografia?


Invia un nuovo commento