L

Le giornate di pioggia in città, come le giornate di (troppa) neve in montagna sono ideali per rimettere a posto gli appunti sparsi di un progetto in via di definizione, per approfondire questo o quell’autore – che sia letteratura o fotografia poco importa, l’importante è studiare – o ancora per prendere la voglia di fare a due mani e mettere un po’ d’ordine e dare una spuntata al blog, come quando da bambini la mamma suggeriva al barbiere di turno: “mi raccomando… gli dia una spuntatina e gli rimetta in ordine questi capelli“. E così ho fatto.

Come potete vedere, oltre a un leggero cambiamento grafico, più “morbido”, ora il blog è più snello; ho sintetizzato molte cose e ridotto a poche voci il menu principale, quelle che veramente possono essere importanti per dare informazioni precise. Ma soprattutto, per questo 2016, ho inserito e ordinato la sezione “fotografie“, suddivise per formato, con varie selezioni dagli scatti degli ultimi anni. Mi auguro tutto ciò possa essere utile per una navigazione più “fluida”, per trovare velocemente le informazioni desiderate, e per poter godere nel migliore dei modi, ove vi sia gradito, delle mie fotografie di montagna. A presto, Alberto 😉


ps: questa fotografia? Si certo, il mio caro amico e fotografo Giuseppe Menardi mi ha scattato questa foto mentre gli facevo vedere una Polaroid 664 fresca fresca, appena sfornata e che inquadra il Gruppo del Sorapiss.  Punto di scatto: in cima al Becco d’Ajal, Cortina d’Ampezzo, Jan 2016.

Non sono presenti commenti