Weekend fotografici d’Autore


La bellezza alle Montagne. L’emozione a chi le guarda | (Alberto Bregani)

I weekend di fotografia in montagna, ideati da (e con) Alberto Bregani, in esclusiva per TrekkingFotografici.it

Un mix di successo
Un professionista 
tra i più apprezzati + un’organizzazione leader in Italia nella progettazione di tour, workshop, trekking di qualità, per amanti della fotografia in montagna. Questi gli ingredienti di successo dei “Weekend fotografici d’Autore“. Una serie di proposte esclusive di due o più giorni in luoghi di riconosciuta bellezza, ideate appositamente da (e con) Alberto Bregani con la collaborazione di trekkingfotografici.ittrekking_fotografici_logo
L’organizzazione dei weekend è pensata in funzione del puro piacere del fotografare, del sapere e riuscire raccontare la montagna attraverso un’immagine, del perdersi nei propri pensieri e nei panorami che abbiamo la fortuna di avere intorno a noi, gestendo al meglio tutti i “tempi fotografici” che il meteo, la luce, le nuvole propongono. NON sono weekend basati sulla pura tecnica sebbene, va da sé, questo aspetto venga analizzato e approfondito come conseguenza di particolari esigenze fotografiche.

A contatto con un Pro
I “weekend d’Autore” sono una fantastica occasione per migliorare le proprie “performances” fotografiche, nel contesto di strepitosi scenari.  Un’opportunità unica per apprendere e soprattutto mettere in pratica gli elementi che caratterizzano il modo di osservare, di pensare, di realizzare una fotografia di un professionista come Alberto Bregani; attraverso concetti che vengono spiegati, analizzati, approfonditi insieme ai partecipanti.

A chi sono rivolti
Livello fotografico
I weekend sono aperti a tutti coloro i quali siano in grado di gestire tecnicamente la propria attrezzatura, quale essa sia, vale tutto; dalla pellicola allo smartphone.
Esperienza in montagna
Salvo particolari situazioni (indicate nello specifico programma) in generale i sentieri utilizzati per le escursioni o per raggiungere i rifugi sede dei weekend, sono sempre di categoria “T” (turistico) oppure “E” (escursionistico), dunque assolutamente praticabili dalla maggior parte delle persone. Per partecipare ai weekend si richiede comunque una minima confidenza con l’ambiente di montagna, aver già percorso sentieri di tipo T ed E senza problemi specifici, un buono stato di salute, nessun problema collegato all’altitudine fino ai 2.500mt circa. Fondamentale un po’ di spirito di adattamento che non deve mai mancare. I rifugi d’oggi hanno ormai un alto livello di comfort, ma rimangono pur sempre dei rifugi di montagna.


CALENDARIO 2017 | Leggi, clicca, prenota !

APRILE 22/23 |
Risveglio e disgelo. Madonna di Campiglio e Dolomiti di Brenta
Il disgelo. Un momento unico: la neve che lascia spazio alla primavera, le cascate e i torrenti che iniziano a riprendere vita. Alla ricerca del risveglio delle acque per fotografie uniche e irripetibili, tra il verde dei boschi e il bianco della neve. ( 6/10 persone)
Vai alla scheda

Schermata 2017-03-16 alle 19.40.45MAGGIO 20
Photoday “Bianco e Nero” in Val di Mello (1 giornata)
Il mese dai grandi contrasti: cieli blu, nuvole bianche, colori limpidi. Situazione ideale per realizzare splendide fotografie in bianco e nero. Un’occasione imperdibile per apprendere come “pensare e scrivere” con questo linguaggio. (6/10 persone)
Vai alla scheda

GIUGNO 23/24/25
Tutti i colori della montagna. Rif. Segantini Val d’Amola e Val di Genova
Una fantastica sessione di fotografia di montagna in uno dei rifugi più spettacolari del Trentino, ai piedi di Cima Presanella, di fronte alle Dolomiti di Brenta. E una giornata intera dedicata alla splendida Val di Genova. (10/20 persone)
Vai alla scheda

LUGLIO 13/16
Tra terra e cielo. Trekking FotoAlpinistico, Dolomiti di Brenta (4gg, con 2gg su via ferrata)
Uno strepitoso trekking “Dentro e fuori le cime”, seguendo i sentieri e le ferrate che ho percorso per il mio omonimo libro, nel cuore delle Dolomiti di Brenta. Un’esperienza unica, con guida alpina al seguito, per escursionisti già con esperienza di vie ferrate (EEA) | Attenzione: min/max 4 partecipanti.
Vai alla scheda


Gallery
In questa galleria fotografica alcune foto dei partecipanti ai Weekend fotografici d’Autore e qualche scatto realizzato nel corso degli stessi weekend. Vi riconoscete? 😀

Ci sono 0 commenti

  1. Abboretti Massimiliano

    Seguo Alberto fin dall’inizio del suo progetto sulla Grande Guerra,l’ho conosciuto di persona sono andato alle sue conferenze e quando ho capito il suo modo di intendere il connubio Montagna e Fotografia non mi sono piu’ ritrovato solo.Sicuramente il gruppo da lui creato su FB ha fatto il resto cosi’ e’ nata l’idea di ritrovarci e con grande maestria Alberto ha organizzato il primo incontro di quelli che erano solo amici virtuali,ma che in due giorni e mezzo sono diventati amici reali.Abbiamo vissuto una due giorni alpina in totale relax,scambiando pareri fotografici,alpini e culinari.Con mia grande meraviglia quasi la meta’ dei partecipanti erano del genere femminile e tutto cio’ ha dato sicuramente una marcia in piu’ al ns.incontro.Un’esperienza di gruppo dove uno e’ libero di chiedere e di dare consigli,di contemplare e pensare,di imparare e di migliorarsi nel fotografare,di crearsi nuovi amici.Grazie Alberto e …….ai prossimi incontri.

  2. Marco

    Sinceramente non ricordo come ho incotrato i lavori di Alberto, ma sono sicuro che è stata sintonia al primo sguardo. C’era qualcosa in quegli scatti che sapeva parlare a due miei pezzi d’anima: fotografia e montagna. Ho seguito poi Alberto (efficace social comunicator) e ho capito che non ero da solo, esisteva una comunità di appassionati di fotografia di paesaggio ma sopratutto di fotografia di montagna. Appena Alberto ha proposto un “raduno” non ho potuto resistere, avevo finalmente la possibilità di condividere la mia passione e sopratutto di imparare non tanto la tecnica ma l’approccio alla montagna attraverso la fotografia, rafforzando sopratutto il mio essere fotografo di Montagna e non un fotografo di Montagne 😉 . E’ stato un weekend molto vario, pieno di silenzi, luce, ombre, risate, mangiate, chiaccherate e tanti passi. Cosa è restato? la consapevolezza di una fotografia di montagna resa viva dalla passione di tanti e la conferma della presenza umile di Alberto (mai maestrino) al fianco di chi ha ancora passi incerti in questo sterminato mondo di rocce e nuvole. Grazie Alberto! e grazie a tutti i Mountain Photographers!

  3. Margherita Morandi

    Non essendo una del settore ho “conosciuto” Alberto su fb. Mi sono imbattuta in un suo breve articolo sul suo libro “Solo il vento”.
    Sono rimasta profondamente colpita e da allora ho seguito e gustato tutto ciò che pubblicava.
    Quando ha organizzato il fine settimana al Segantini l’ho contattato per domandargli se questa riunione era aperta anche a chi, come me, fa foto per diletto e non possiede uno strumento adeguato per realizzarle.
    La sua riposta è stata così accogliente, che non ci ho pensato un attimo e ho aderito subito.
    I tre giorni trascorsi lassù sono stati un’esperienza indimenticabile sotto ogni profilo.
    Pensare di poter nuovamente partecipare ad un incontro simile per me è un regalo.
    Dunque grazie di cuore Alberto. A presto

  4. Andrea Delli Carpini Mauro

    Ho partecipato a questo week end per caso, non essendo io un fotografo di montagna, perché mi ha colpito il modo di fotografare e di raccontare di Alberto guardando le foto del progetto sulla grande guerra (Solo il vento).
    I cinque elementi della fotografia di Alberto, durante questo week end al Segantini li ho ritrovati tutti, il tempo e lo spazio che prendono nuova forma durante questi incontri fino a perdersi in un altro tempo e in un altro spazio dove al centro c’è lo stare bene insieme condividendo il piacere per la fotografia e per la montagna, le proprie esperienze per chi ha voglia di raccontarle e raccontarsi, ma anche ascoltare o starsene in disparte. Il silenzio e l’osservazione ti permettono di cogliere ogni attimo di queste giornate, di godere di paesaggi sublimi, per fotografarli o semplicemente per osservarli camminando in silenzio o stando seduti li davanti a loro, lasciando andare i pensieri liberi dove vogliono.
    Quando Alberto ci ha scritto “non si tratta di un workshop ma di un incontro tra amici” ero incuriosito, perché dei partecipanti non conoscevo nessuno e faticavo a vederlo come tale,
    ma grazie al “lavoro” di Alberto, Cesare, Massimiliano e Andrea (Gasparotto) che hanno amalgamato il gruppo, in poche ore sembrava di conoscersi da sempre.
    Al termine di questi due giorni e mezzo, ho portato a casa non solo delle foto, ma un nuovo modo di vedere la montagna, e sopratutto dei nuovi amici con cui ho condiviso tante cose, e non solo la passione per la fotografia; amici che spero di rincontrare presto. Un caro saluto a tutti. Andrea

  5. Cesare Martinato

    Vorrei e potrei raccontare cose meravigliose di questo incontro ma mi limiterò a dire che non mancherò ai prossimi. Grazie Alberto.

  6. roberta vacchiero

    Spero di poter partecipare un giorno a questi incontri. Ho conosciuto Alberto tramite il gruppo FB Mountain Photographers da lui creato. Mi sono affacciata al gruppo timidamente, affascinata dalle bellissime fotografie postate. Un gruppo speciale. Si distingue da tanti per la sua serietà, per le sue regole, che danno la possibilità di poter apprezzare e assaporare la fotografia di Montagna senza troppo rumore. Non conosco Alberto personalmente, ma tramite i suoi lavori mi sembra di conoscerlo da sempre. Non sono fotografa e tanto meno conosco la tecnica fotografica, se non le basi per poter fare qualche scatto. La mia percezione va oltre alla tecnica; è il gusto, la scelta di certe inquadrature, angolazioni, particolari che danno vita all’immagine. E’ così che conosco Alberto. Grazie Alberto a presto

  7. Maurizio

    Ho partecipato al meeting del 18-20 settembre 2015 al rifugio Segantini ed ancora sono sconvolto da quanto hanno visto i miei occhi!!! Ho avuto modo di conoscere Cesare e Stefano e di apprezzare la professionalità di Alberto Bregani, profondo conoscitore dell’ambiente montano e della sua rappresentazione per immagini e parole, oltre che persona squisita a prescindere. Non rimarrà certo una esperienza isolata.


Invia un nuovo commento