M

Maurizio Rebuzzini – @Ph.Marco Cavina

Mai avrei immaginato di poter ricevere l’onore di questa risposta da parte di una persona che ho sempre seguito con ammirazione e stima per i suoi scritti, per le sue conferenze, per la sua “visione” della Fotografia. E chi ha letto negli anni scorsi le mie pagine relative al tema “Holga” sa quanto io sia sincero: la sua citazione riguardo questo modo di fotografare è sempre stata per me la cosa migliore mai scritta sul tema, il mio punto di riferimento assoluto; pensiero che tuttora chiude la mia pagina My Lovely Holga. Mai avrei sperato, dunque. Ma è successo. Maurizio Rebuzzini, da sempre tra i più conosciuti e apprezzati e profondi conoscitori della Fotografia, del suo linguaggio, tecnica e costume, autore di libri, Editore e direttore di FOTOgraphia, curatore di prestigiosissime mostre e edizioni d’arte nonchè della sezione storica degli apparecchi fotografici al Museo Nazionale Alinari della Fotografia e, ‎infine, docente a incarico di Storia della Fotografia alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (sede di Brescia), ha accettato di scrivere la prefazione al mio libro “Dentro e fuori le Cime“. Alcuni di voi comprenderanno cosa ciò significa, molti altri no. Ma per ora l’importante, se mi è concesso, con tutta l’umiltà del caso, è che lo sappia io. “Grazie per questa fantastica opportunità, Maurizio“. Così ha concluso la sua mail quando mi ha inviato lo scritto appena due giorni fa. Pagine dense di pensieri, citazioni, visioni, riferimenti non solo fotografici ma anche filosofici, letterari. Oltre ovviamente a un’analisi sul mio modo di intendere la fotografia e sul progetto. Un mini saggio che potrebbe benissimo vivere da solo, ma che Maurizio ha invece voluto scrivere appositamente per questo libro di fotografie “di Montagna (in montagna)” come  ha voluto precisare e anche poi circostanziare.  Non so se poi vi piaceranno le foto, i testi, i percorsi quando avrete in mano il libro …. ma, ragazzi,  ritengo che solo la prefazione valga “il biglietto”; ve lo garantisco al 100%.

Richiedere e poi infine ricevere la sua attenzione e’ stato un percorso molto sfidante, interessante, faticoso se vogliamo. Ma gratificante al massimo. Una timida richiesta prima, un incontro accordato e che poi si è rivelato molto lungo per raccontare minuziosamente tutto il progetto, la mia visione, vedere le mie fotografie, i backstage video e parlare a 360° di fotografia. Poi l’attesa e  infine un’accettazione  – che concede con parsimonia – ringraziando me (lui… ringraziava me…) per una richiesta della quale si è sentito onorato (“richiesta gratificante e lusinghiera“) per i motivi che poi leggerete. Mah.. come dire… non so, sono ancora un po’ frastornato. Me lo concederete, mi auguro.  Ora posterò questi miei pensieri, poi riprenderò in mano le sette cartelle da lui scritte, le rileggerò nuovamente parola dopo parola, concetto dopo concetto, e andrò infine a vedere l’email che ho ricevuto, per verificare che era proprio per me, compresa quella frase a chiusura che, confesso,  come ho confessato a lui, mi ha tagliato un po’ le gambe: “Grazie per questa fantastica opportunità“. Grazie a Te Maurizio, anche a nome di tutti coloro che acquisteranno il libro. Ma grazie davvero.

(La – bellissima – foto di Maurizio Rebuzzini è dell’amico Marco Cavina per “Personaggi e volti della fotografia italiana” di Marco Cavina. Scusa Marco se non te l’ho chiesto, ma era tardissimo e non volevo svegliarti 🙂

Ci sono 0 commenti

  1. Giuseppe Toffoli

    Direi che i complimenti non te li può togliere nessuno anche in questo caso e aggiungerei: complimenti a Rebuzzini per la scelta di accettare di scrivere una prefazione alle tue meravigliose fotografie… Un pizzico di voglia in più per vedere dal vivo questa tua creazione… mi mancava proprio… hahaha


Invia un nuovo commento