D

D – Cosa porto in (via)ferrata per tre giorni?
La classica, giusta domanda che mi viene solitamente rivolta nei giorni che precedono un’esperienza di questo tipo.

La risposta è sempre la stessa. Ed è la seguente.
Porta il meno possibile. 1 macchina, 1 focale. Stop. Possibilmente leggera, possibilmente di qualità. Tutto il resto sarà superfluo, ingombrante, pesante, faticoso da portare, complicato da gestire. Su una cengia da 30cm di larghezza o attaccato a una scala che corre lungo una parete verticale, quel poco di concentrazione che potrai dedicare alla fotografia dovrai dedicarlo alla “fotografia”, a ciò che vedi, a ciò che senti, a ciò che vuoi gli altri vedano e sentano. E se per caso dovessi avere un’ora di relax su un prato o fuori dal rifugio per fotografare con tutta tranquillità, magari con la macchina su un treppiede, potendo scegliere tra altre tre lenti nello zaino, filtri e accessori vari, una volta tanto siediti e goditi il momento, quel prato e quel rifugio, lascia a casa tutta quella carica di cose; non serve e pesa maledettamente, oltre allo zaino, al casco, all’imbragatura, ai moschettoni; e peserà a ogni passo di più, e stramaledirai il momento in cui hai messo dentro anche quella lente in più perché forse avresti potuto… chissà.. magari… metti che…

1 macchina, 1 focale. Stop.
Viviti l’esperienza, goditi i momenti di pausa, fotografa in leggerezza (e sicurezza), incanala tutta la tua ispirazione e concentrazione dentro quella focale, in quell’esatto momento in cui la senti e la vivi. Non ti sfuggirà nulla.

Less is more. Pensaci, quando prepari lo zaino..
In salotto, sul divano… 😉
________
kit_ferrataNello specifico ecco il mio personale “kit fotografico da ferrata” tra i 2 e i 4 giorni
– Sigma dp2 Quattro con 30mm fisso (45mm equiv.), APS-C, 21mpx
– Visore
– 4 batterie e caricabatterie
– Schede
– 1 polarizzatore
– Borsetta ThinkTank con attacco laterale zaino alpinistico.

Info Sigma dp Quattro | Sigma Foto Italia

Non sono presenti commenti